Fan page su facebook





 
Ogni bacio una rivoluzione
Una rivoluzione, di questo, ancora, nel 2010 ha bisogno e rivendica il popolo LGBTIQ.
 
Siamo persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, transgender, intersessuali e queer. Per noi niente diritti, ma discriminazione e violenza. Per noi "cittadinanza dimezzata" con un futuro ipotecato. Eppure abbiamo le stesse esigenze, difficoltà ed aspirazioni delle persone eterosessuali che condividono con noi il nostro bisogno di libertà. Che come noi pensano chela rivoluzione può passare anche attraverso un bacio, simboli dell'amore, della famiglia, dell'amicizia, della solidarietà. Sentimenti che ci vengono negati ma di cui noi ci riappropriamo e porteremo orgogliosamente nel nostro corteo.
Desideriamo vivere in una società inclusiva, laica, aperta, solidale che accoglie le diversità e rifiuta l´omologazione ed i tentativi di trasformare le singole persone in soggetti identici, immobili, ubbidienti, silenziosi e nascosti.
Al muro di indifferenza, di chiusura, di emarginazione noi opponiamo il nostro essere persone, cittadine, cittadini, il nostro essere famiglia, il nostro essere genitori. Vogliamo che tutti si sentano parte integrante della società, con uguali diritti e uguali doveri: non vogliamo essere normali, ma persone autentiche e felici.
 
Parità, dignità e laicità sono l'essenza delle nostre richieste e delle nostre esigenze e basi di una democrazia matura e progredita e partecipando al Roma Pride 2010 chiediamo alle istituzioni nazionali e locali:
  • di riconoscere i rapporti familiari che creiamo consentendoci di sposarci civilmente, di adottare bambini, di assumere la responsabilità genitoriale nei confronti dei figli del partner,
  • di riconoscere i diritti di tutte le coppie che si formano fuori dal matrimonio, indipendentemente dal sesso dei partner
  • di dare piena attuazione ai principi costituzionali e alle Direttive europee in materia di pari dignità ed uguaglianza, con particolare riguardo al lavoro e all´accesso ai servizi sanitari, curando con particolare attenzione tutto quanto riguarda le persone transessuali, transgender ed intersessuali
  • di adottare una legge contro l´omofobia e la transfobia, per prevenire le discriminazioni basate sull´orientamento sessuale ed affettivo e sull´identità di genere
  • di fare informazione nelle scuole e sui media per contrastare i pregiudizi e le discriminazioni contro di noi e per diffondere la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale
 
 
 
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Manifesto del Roma Pride 2010

        Roma Pride 2010. Un anno vissuto pericolosamente, durante il quale la comunità LGBTIQ è stata aggredita, ferita, attaccata e insultata fisicamente, verbalmente e mediaticamente. Atti di violenza, spesso provocati semplicemente per un bacio o una tenerezza, che non hanno fatto che aumentare, soprattutto a Roma, anche arrivando a tragici epiloghi.
        Un anno nel quale si è passati dalla bocciatura della legge Concia contro la omo-transfobia a causa di una pregiudiziale di incostituzionalità, alla sentenza n. 138 con cui la Corte Costituzionale che ha richiamato il Parlamento alla necessità di intervenire per regolare i rapporti familiari che sorgono al di fuori del matrimonio civile. Insomma un anno che ha visto la comunità LGBTIQ protagonista, ma di una storia senza lieto fine.
        Lo slogan del Roma Pride 2010 è Ogni bacio una rivoluzione. Perché Roma Pride è il luogo della cittadinanza e dei diritti di tutti e tutte, dell'esposizione dei corpi e delle idee, della libertà, della solidarietà, della varietà di orientamenti sessuali, delle identità di genere e della fantastica ricchezza delle differenze etniche, politiche e religiose. Perché nel Roma Pride si ritrovano convergenti ed unite le persone e le soggettività politiche ed associative che si battono per costruire una società inclusiva, laica, aperta, solidale, capace di accogliere le diversità e che rifugge dall'omologazione, rifiutando i tentativi di trasformare le singole persone in soggetti identici, immobili, ubbidienti, silenziosi e nascosti. Perché la nostra rivoluzione passa anche attraverso i nostri baci, simboli dell'amore, della famiglia, dell'amicizia, della solidarietà. Sentimenti che ci vengono negati ma di cui noi ci riappropriamo e porteremo orgogliosamente nel nostro corteo.
 
Può una sigla contenere un universo?                                                                                
        LGBTIQ è la sigla che ci individua come gruppo sociale, comunità di persone cui sono riservate discriminazione, violenza e stigma sociale a causa dell'orientamento sessuale ed affettivo o dell'identità di genere. L sta per lesbiche, G sta per gay, B sta per bisessuali, T sta per transessuali e transgender, I sta per intersessuali, Q sta per queer. Non è detto che tutte queste lettere bastino, perchè a mano a mano che prendiamo coscienza del nostro essere comunità e della discriminazione che assume forme sempre nuove e molteplici, scopriamo nuove soggettività che le subiscono. Siamo persone a "cittadinanza dimezzata", prive dei diritti che spettano alle cittadine e ai cittadini eterosessuali. Abbiamo un futuro vincolato, che non possiamo progettare con la libertà di essere cosa e come siamo, senza poterci sposare, adottare figli, unire civilmente, ereditare, con affetti ipotecati. Così come sono ipotecati la nostra autodeterminazione, il nostro lavoro, il nostro accesso ai servizi, all'abitazione, alle posizioni economiche e sociali. Fra noi sono le persone transessuali quelle che subiscono le forme peggiori e più insopportabili di discriminazione e di violenza essendo di fatto impedita loro l'attuazione del diritto/dovere costituzionale di avere un lavoro regolarmente retribuito. Elemento, questo indispensabile per consentire loro un'effettiva integrazione, che non può essere limitata al solo adeguamento dei documenti. Anche chi esprime la propria fisicità al di fuori dei canoni comuni della bellezza esteriore o di un'immagine stereotipata del ruolo di genere, subisce una grave forma di discriminazione, dovendo spesso combattere per riuscire ad emanciparsi. Un percorso di liberazione che può passare anche attraverso forme diverse di espressione del corpo, mediante la musica ed il movimento.
        Seguendo luoghi fin troppo comuni, c'è ancora chi pensa che siamo persone in qualche modo "privilegiate", con una capacità di spesa più alta. Anche fra chi ci governa, c'è chi pensa che, tutto sommato, nessuno ci discrimina. Non è vero! La nostra vita, le nostre esigenze, le nostre difficoltà, le nostre aspirazioni, in realtà, sono le stesse che hanno le persone eterosessuali che condividono con noi il nostro stesso bisogno di libertà. Un complesso sistema di regole, vincoli e tradizioni culturali, sociali ed economici impone un'idea coercitiva di normalità e ci vorrebbe tutti aderenti ad un unico modello antropologico fatto di condizionamenti sociali, giuridici e politici, di cui finiamo per essere vittime.
 
Dov'è la politica?                                                                                                                           
         Alla crisi della politica e delle sue formule, dei suoi luoghi e dei suoi contenuti rispondiamo che ci prenderemo quel che è nostro e che ci spetta come cittadine e cittadini di questo Paese e dell'Unione Europea, che lotteremo e incalzeremo le istituzioni senza curarci del loro colore e delle loro logiche di governo, nella convinzione che chiunque sia il governante di turno i diritti di parità e di libertà non sono materia negoziabile e si affermeranno nella loro pienezza solo attraverso il riconoscimento delle persone LGBTIQ e delle loro specificità.
         Chi si dichiara paladino della libertà o pretende di collocare le rivendicazioni delle persone LGBTIQ un po' più a destra o un po' più a sinistra, finora ha dimostrato di non essere all'altezza dei ruoli istituzionali che di volta in volta è stato chiamato a ricoprire. La questione LGBTIQ è stata trattata come un fenomeno buono per il tritacarne dei media che polverizza le nostre storie, i nostri affetti, i nostri drammi, , rendendoli il più delle volte "macchiette", utili per alzare l'audience tanto più quanto espressione di una stravaganza, proprio perché è la nostra voglia di uguaglianza che fa paura; la questione LGBTIQ ha generato più uno sterile girotondo di polemiche che un dibattito politico serio e approfondito. Nonostante i continui richiami e le crescenti pressioni da parte dell'Unione Europea e della società civile, spesso molto più evoluta di chi esercita il potere politico, nessuna legge di prevenzione e repressione dell'omofobia e della transfobia è uscita dal Parlamento italiano, nessuna maggioranza fino ad oggi è stata capace di affermare in modo netto e determinato che le persone LGBTIQ hanno gli stessi diritti oltre che gli stessi doveri di qualunque cittadina o cittadino di questo Paese.
        Riconosciamo in tutto questo l'espressione di una delle più antiche e subdole forme di controllo delle coscienze e dei corpi, attraverso la repressione della sessualità e la logica del peccato. I valori rivoluzionari ed innovatori dell'ebraismo, del cristianesimo e dell'islam sono stati asserviti alla costruzione di sistemi di potere che si sono fatti stato e che da chiese, moschee e sinagoghe integraliste e fondamentaliste frenano l'evoluzione della società e l'affermazione del diritto all'autodeterminazione delle donne, delle persone LGBTIQ e di chi non si riconosce nelle leggi divine. Poteri irresponsabili che promuovono e rivendicano il diritto all'obiezione di coscienza per i medici delle strutture pubbliche o che mettono in discussione la funzione di prevenzione del preservativo nella diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili. Poteri che ieri come oggi si sono macchiati di crimini e nefandezze per le quali ancora aspettiamo di sentire le parole "vi chiediamo perdono".
        Ai partiti che si fanno oggetto e strumento di queste forme di condizionamento, vogliamo ricordare con forza che le istituzioni repubblicane nate dalla Resistenza sono chiamate a rimuovere gli ostacoli economici e sociali che limitano di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini ed impediscono il pieno sviluppo della persona umana e la sua effettiva partecipazione all'organizzazione politica, economica e sociale. Prima di tornare ad essere al nostro fianco nel nostro Pride, nel Pride delle persone libere, chiediamo ai partiti di dimostrare di saper essere all'altezza del ruolo che la Costituzione gli affida: dalle aule parlamentari e consiliari, dalle loro sedi diano chiari segnali di apertura, dicano parole nette, siano coraggiosi. Siano gli interpreti delle esigenze di libertà, laicità e progresso che le persone LGBTIQ e chi le sostiene continuano a pronunciare da decenni, inascoltate.
 
Una battaglia di civiltà, non solo per le persone LGBTIQ                                          
        Quelle che per anni abbiamo considerato le nostre battaglie e le nostre rivendicazioni abbiamo capito che non appartengono solo a noi, ma a tutte le persone che stanno dalla parte della laicità dello stato e delle istituzioni, chiedono pari opportunità e pensano che una società è migliore solo se è migliore per tutti. Per chi la vive oggi e a chi la consegneremo domani. Una società aperta alla Classe Creativa fatta dalle minoranze che con il loro capitale umano, con il loro apporto di creatività, innovazione, professionalità, possono diventare motore di sviluppo per l'economia e il mondo del lavoro. Una società attenta ai talenti, alla tecnologia e all'integrazione come fattori di accelerazione dello sviluppo sociale e della crescita economica. Una società che diventi convivialità e armonia delle differenze, dove ogni differenza è ricchezza per tutti, anche lavorativa ed economica. Questo modello di convivenza civile che noi pensiamo e per cui lottiamo è con alta probabilità l'antidoto migliore per sconfiggere la grave crisi economica che oggi attanaglia tutti, in particolare tanti giovani cervelli costretti a fuggire dal nostro paese, oppure costretti a rimanere in casa dai propri genitori ed essere definiti "bamboccioni". In questo momento di crisi ogni persona può donare il suo apporto solo se è pienamente sviluppata come singola sia nelle formazioni sociali, nelle nuove famiglie ove desidera svolgere la sua personalità e solo se non vi è alcun impedimento al suo pieno sviluppo e alla sua effettiva partecipazione all'organizzazione politica, economica, lavorativa e sociale del Paese.
        Questo apre prospettive nuove ed è per noi un motivo di orgoglio: la consapevolezza di essere cittadine e cittadini a tutti gli effetti e a tutti gli affetti, non solo elettori, fedeli, lavoratori o consumatori, ma persone che rivendicano per sé e dunque per tutti gli altri la pienezza dei diritti che sono scritti nella Costituzione e nella Carta Europea dei Diritti dell'Uomo e che in numerosi stati dell'Unione Europea sono già realtà.
        Il Roma Pride 2010 ribadisce la sua vocazione contro ogni forma di totalitarismo di matrice teocratica, economica, politica o sociale. Afferma il carattere pacifico dell'azione politica delle realtà LGBTIQ e il ripudio della violenza in tutte le sue forme, proclamando i valori prioritari dell'antifascismo, dell'antisessismo e dell'antirazzismo quali elementi irrinunciabili delle sue lotte di liberazione.
        A Roma e nel territorio del Lazio, registriamo l'assenza di provvedimenti ed iniziative delle amministrazioni locali che combattano il grave problema dell'odio omofobico e transfobico, divenuto fonte di sempre maggiore pericolo e insicurezza. Ci è molto chiaro che i rigurgiti del passato da parte di minoranze facinorose che si richiamano ad anacronistiche ideologie fasciste non sono la malattia ma uno dei sintomi di un malessere profondo della società italiana, del quale ci preoccupano la crescita e la diffusione continue. Le amministrazioni di Roma e del Lazio devono assumersi la responsabilità di intervenire localmente e nell'ambito delle loro competenze per migliorare le condizioni di vita e di salute della comunità LGBTIQ che vive nel Lazio.
        La crisi economica in atto sta producendo i suoi devastanti effetti anche nella nostra Regione: la disoccupazione giovanile è salita vertiginosamente, è sempre maggiore il numero delle aziende che ricorrono alla cassa integrazione, nonché il numero di persone che rimangono escluse dal mercato del lavoro. In questo particolare contesto, le persone LGBTIQ già prive di ammortizzatori sociali fondamentali in periodi come questi, quali gli assegni per familiari a carico hanno pagato e continuano a pagare un prezzo molto alto e continuano a rimanere senza alcuna effettiva protezione dalle discriminazioni sui luoghi di lavoro.
        Una società in cui le donne sono considerate materiale da calendario, valutate in base alle loro misure, offese nella loro autodeterminazione genitoriale, continuamente esposte a molestie e stupri è una società malata.
        Una società dove si dichiara che le cause della criminalità siano iscritte nel DNA dei cittadini di etnie e nazioni diverse e non nel loro sfruttamento, nella loro povertà, nel loro essere emarginati è una società malata.
        Una società dove alcune gerarchie cattoliche, piuttosto che concentrarsi nella difesa dei diritti degli emarginati, dei poveri degli offesi, mortificano con accanimento l'essenza dello spirito cristiano sbarrando le porte ai bisogni reali delle persone, alle loro esigenze, alle loro forme di amore, e impedendone lo sviluppo pieno e sereno, è una società malata.
        Una società dove il Vaticano invece di scusarsi e assumersi le responsabilità del silenzio per le colpe dei loro consacrati, che per anni nel silenzio e nella complicità hanno violentato migliaia di bambine e bambini, cerca di associare la pedofilia dei preti all'omosessualità è una società malata.
        Una società dove le persone sieropositive devono nascondere la loro malattia anche alla propria famiglia e ai loro amici per paura di essere discriminati è una società malata.
        Una società che non garantisce piena cittadinanza e piena dignità alle persone diversamente abili è una società malata.
        Una società che non applica la propria costituzione là dove garantisce i diritti fondamentali delle cittadine e dei cittadini, il diritto al lavoro, il diritto alla salute, il diritto alla felicità è una società malata.
        Parità, dignità e laicità sono l'essenza delle richieste e delle esigenze di lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender, queer ed intersessuali e rappresentano le basi di una democrazia matura e progredita che il Roma Pride 2010 rivendica per il nostro Paese.
        Al muro di indifferenza, di chiusura, di emarginazione noi opponiamo il nostro essere persone, cittadine, cittadini, il nostro essere famiglia, il nostro essere genitori. In questo sta la nostra rivoluzione: vogliamo che tutti si sentano parte integrante della società, con uguali diritti e uguali doveri: non vogliamo essere normali, ma persone autentiche e felici.
_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Cosa chiediamo
Rapporti familiari                                                                                                                      
Apertura della discussione politica e parlamentare sul tema della costituzione di nuclei familiari composti da persone dello stesso sesso (v. sent. Corte Costituzionale 138/2010). La discussione e la conseguente azione politica e legislativa dovranno tener conto delle seguenti necessità:
Matrimonio civile per le coppie formate da persone dello stesso sesso
Regolamentazione della co-responsabilità genitoriale del partner dello stesso sesso, anche se non è il genitore biologico
Opportunità di adozione di minori per le coppie formate da persone dello stesso sesso e per i singoli, indipendentemente dal loro orientamento sessuale e dalla loro identità di genere, da valutarsi nell'interesse esclusivo dei diritti del minore
Riconoscimento giuridico pubblico delle unioni civili e loro accessibilità anche per le coppie formate da persone dello stesso sesso.
Pari diritti ed opportunità
Il Parlamento italiano deve impegnarsi a dare piena attuazione ai principi costituzionali e alle Direttive europee in materia di pari dignità ed uguaglianza, con particolare riguardo a:
 Applicazione anche alle persone intersessuali e a quelle che compiono la transizione di sesso della direttiva europea 207/76 sulla parità di trattamento tra gli uomini e le donne in materia di accesso al lavoro, formazione e promozione professionali, condizioni di lavoro (sentenza della Suprema Corte Europea del 30/4/96).
Recepimento della Direttiva europea che garantisce la libertà di movimento dei cittadini europei (38/00), in modo da salvaguardare lo status e i diritti delle persone dello stesso sesso che si sono unite in base a normative degli stati membri dell'Unione.
Salvaguardare lo status e i diritti delle persone dello stesso sesso che si sono unite in base a normative negli stati extracomunitari che abbiano una qualunque forma di regolamentazione per le coppie dello stesso sesso.
Rimozione delle discriminazioni verso le persone LGBTIQ e le coppie formate da persone dello stesso sesso, sia in ambito sanitario, sia ai fini della tumulazione.
Favorire, anche attraverso strumenti quali la defiscalizzaione, le assunzioni di persone transessuali o transgender da parte delle imprese e delle pubbliche amministrazioni con ruoli e stipendi coerenti con il tipo di lavoro svolto e comparabili con quelli dei loro colleghi.
 Riattivazione delle campagne ministeriali d'informazione sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, garantendo i diritti delle persone sieropositive.
Modifica della legge 40 per consentire l'accesso alla procreazione medicalmente assistita alla singola maggiorenne e alle coppie formate da persone dello stesso sesso.
Introduzione di disposizioni e normative che garantiscano l'erogazione gratuita attraverso il Servizio Sanitario Nazionale per le cure e le terapie necessarie alla transizione di genere e per l'assistenza alle persone intersessuali.
Sensibilizzazione ed informazione sulle tematiche inerenti l'intersessualità nelle sue diverse forme, allo scopo di costruire una società accogliente e non discriminante, dove alla persona sia garantito un armonioso ed equilibrato sviluppo, soprattutto in funzione delle proprie scelte, del proprio orientamento sessuale e della propria consapevolezza di genere. In particolare, chiediamo che non vengano più praticate assegnazioni di sesso fino a che la persona non abbia la facoltà di esprimersi in merito e non sia in grado di dare il proprio consenso informato ad eventuali trattamenti chirurgici.
Cambio anagrafico del nome proprio e dell'identificativo di genere senza l'obbligo di interventi chirurgici, sia per le persone in transizione sessuale, sia per le persone intersessuali.
 Introduzione di identificativi di genere specifici come opzione per le persone transessuali, transgender e intersessuali che desiderino avvalersene, da usarsi in tutte le possibili aree di applicazione (questionari, rilevazioni, registrazioni, ecc.).

Prevenzione e rimozione delle discriminazioni in materia
di orientamento sessuale ed affettivo e identità di genere
                                  
In Italia le persone LGBTIQ continuano a subire discriminazioni in famiglia, sul lavoro, nella scuola, nella società senza potersi avvalere di alcun strumento giuridico specifico che le tuteli. Questo nonostante esistano pronunciamenti del Parlamento Europeo e della Suprema Corte Europea (direttive 207/76 e 78/00, risoluzione gennaio 2006, sentenza del 30/3/06). Per questa ragione è indispensabile che il Parlamento ed il Governo italiani intervengano attraverso:
           Una legge di prevenzione e lotta alle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale ed affettivo e sull'identità di genere, che rimuova gli ostacoli di natura sociale e normativa che limitano l'effettiva uguaglianza delle persone LGBTIQ.
           L'estensione della legge Mancino (n. 205/93) all'orientamento sessuale e all'identità di genere.
           La pianificazione ed il finanziamento di specifiche campagne ed iniziative di informazione tese a contrastare il pregiudizio omofobico e transfobico e le discriminazioni, soprattutto attraverso interventi nelle scuole e promozione di buone pratiche.
           La modifica del Decreto legislativo 216 del 2003 "Attuazione della Direttiva 2000/78/CE per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro", che deve tenere in considerazione la necessità di eliminare le nuove forme di discriminazione introdotte nel frattempo (ad esempio, le persone gay, lesbiche e transessuali che operano nelle forze armate, nei corpi dello stato e nelle forze dell'ordine).
           L'estensione delle norme che tutelano le lavoratrici e i lavoratori dalla discriminazione per orientamento sessuale e identità di genere a tutte le tipologie di contratti di lavoro.
           L'introduzione del diritto al risarcimento delle persone transessuali che fino al 1982 sono state sottoposte a regime carcerario per la loro diversa identità di genere e l'abrogazione dell'Articolo 85 del Decreto 773 del 1931 (sul camuffamento ed il mascheramento in pubblico).
           Il rafforzamento del ruolo dell'Italia per il rispetto dei diritti umani nel mondo, in particolare attraverso il massimo sostegno alla proposta di legge depositata dall'ONU per l'abolizione della pena di morte e per la depenalizzazione dei reati di omosessualità e transessualità.
           Il perfezionamento dell'applicazione della direttiva europea 85 del 2005 riguardo allo status di rifugiato anche per le persone perseguitate a causa del loro orientamento sessuale e affettivo o per la loro identità di genere.
           la riforma delle disposizioni in materia di sicurezza affinché sia possibile ed agevole denunciare le situazioni di sfruttamento ed accertarsi del rispetto dell'identità di genere nei casi in cui le persone immigrate siano sottoposte a provvedimenti restrittivi della libertà.
Richieste specifiche per il territorio del Lazio                                             
Molte delle richieste delle persone LGBTIQ richiedono l'intervento del Parlamento, ma, a livello territoriale, Regioni, Provincie e Comuni hanno rilevanti competenze e possono intervenire per migliorare le condizioni di vita delle persone LGBTIQ. In particolare, nell'ambito del territorio del Lazio riteniamo necessario:

Costituire gruppi di lavoro presso Consigli o Giunte che sviluppino un rapporto di dialogo e di confronto costante con l'universo LGBTIQ.

Migliorare i servizi di assistenza e di prevenzione relativi alle malattie sessualmente trasmissibili. Un particolare riguardo va riservato alle persone sieropositive all'HIV o affette da AIDS, per le quali vanno migliorate le strutture ospedaliere, l'assistenza domiciliare e gli altri servizi sociali.
Rimuovere le discriminazioni e assicurare pari opportunità in materia di occupazione e di condizioni di lavoro per tutto il personale delle istituzioni locali e degli enti ad esse collegati (attuazione del D.LGS 216/03 e della Direttiva 2000/78/CE).
 Adottare una legge regionale contro l'omofobia e le discriminazioni, che dia attuazione alla mozione approvata a settembre 2009, in attesa che il Parlamento affronti e risolva la questione. Gli interventi devono riguardare principalmente la formazione degli operatori pubblici, l'informazione nelle scuole e campagne locali in collaborazione con le associazioni, la costituzione di un ufficio di studio ed un osservatorio multidisciplinari e permanenti sulle discriminazioni e la violenza motivata dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere. In particolare devono essere oggetto di specifici interventi le forme di bullismo omo-trans fobico, l'educazione sessuale e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili.
Attivare case di accoglienza e strutture di assistenza per le persone transessuali che sono oggetto di tratta o di sfruttamento, nell'ambito di specifici piani di intervento per il loro sostegno.
Garantire la gratuità delle terapie e di ogni forma di assistenza per le persone che intraprendono la transizione di genere e le persone intersessuali.
 Socializzare la memoria storica delle persone LGBTIQ che furono perseguitate durante i totalitarismi, sia attraverso la costruzione di un monumento ad esse dedicato, sia attraverso la promozione e l'organizzazione di iniziative culturali collegate al tema della memoria e della violazione dei diritti delle persone LGBTIQ anche nel presente.

Gran parte degli interventi indicati può trovare applicazione anche all'interno di una legge quadro regionale dedicata proprio al tema dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere che perseguirà questi obiettivi:
LIBERTA' DI ESPRESSIONE:
           garantire l'autodeterminazione in tema di orientamento sessuale e di identità di genere, per superare le discriminazione a questi collegate;
           garantire parità di condizioni agli interventi e ai servizi compresi nella competenza legislativa regionale;
           estendere la competenza del difensore civico ai casi di discriminazioni motivate da orientamento sessuale o identità di genere.

LAVORO, IMPRESA, FORMAZIONE E INTEGRAZIONE SOCIALE:                                                 
           rimuovere le discriminazioni relative all'accesso al lavoro, anche favorendo l'inserimento e la formazione per le persone discriminate. 
           promuovere lo sviluppo di una cultura professionale correlata all'acquisizione positiva dell'orientamento sessuale o dell'identità di genere.
            incentivare le aziende all'assunzione di persone LGBTIQ.
            promuovere l'imprenditorialità LGBTIQ come motore di sviluppo sociale, creatività, innovazione, crescita economica e del mondo del lavoro.
           dare attuazione alla normativa comunitaria per quanto di competenza regionale coinvolgendo le associazioni rappresentative.
           promuovere l'adozione da parte dei dipendenti delle amministrazioni di linguaggi e comportamenti ispirati alla considerazione e rispetto per ogni orientamento sessuale e identità di genere, intervenendo con attività di formazione del proprio personale;
           assicurare parità d'accesso ai servizi pubblici e privati e alle prestazioni erogate; riconoscere il diritto all'abitazione alle persone e alle famiglie, per rimuovere le cause che determinano disuguaglianze e disagio.
SANITA' ED ASSISTENZA:                                                                                                           
           garantire che siano le persone designate dal paziente a prestare assistenza in ogni fase della degenza, indipendentemente dai legami di parentela legale;
           le aziende sanitarie locali devono assicurare interventi di informazione, consulenza e sostegno per rimuovere gli ostacoli alla libertà di scelta ed espressione circa l'orientamento sessuale o l'identità di genere.
INFORMAZIONE E CULTURA:                                                                                                     
           assicurare il monitoraggio dei contenuti della programmazione televisiva e radiofonica rispetto alla pari dignità riconosciuta agli orientamenti sessuali e all'identità di genere;
           assicurare spazi di informazione ed espressione su questi temi;
           dedicare attenzione agli aspetti culturali del mondo LGBTIQ incentivando, sviluppando, sostenendo anche con lo stanziamento di risorse economiche - progetti per la realizzazione di spazi culturali, mostre, giornali, case editrici, cinema, teatro e di tutte quelle forme artistiche che si propongono di diffondere una comunicazione scevra da pregiudizi;
           promuovere attività culturali, turistiche e commerciali aperte ai diversi stili di vita per superare le discriminazioni nei pubblici esercizi e nei servizi turistici e commerciali, promuovere il confronto culturale sulle tematiche familiari per favorire l'eguaglianza di opportunità nell'assunzione del ruolo e della responsabilità genitoriali;
           attivare campagne di comunicazione per accrescere l'attenzione su questi temi per fornire tutte le informazioni utili e necessarie per la tutela dei diritti in tema di parità di trattamento e contro ogni forma di discriminazione.
Interventi in favore delle famiglie
                                                                                                                                                               
Le istituzioni locali del Lazio, dove sussiste una delle maggiori realtà metropolitane italiane, devono adoperarsi per sostenere la famiglia recependo la definizione che ne dà il DPR 223/89 (art.4: "Agli effetti anagrafici per famiglia si intende un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune"). Con tale definizione, si ricomprendono infatti nel concetto di famiglia anche le coppie di persone dello stesso sesso conviventi e ad esse si attribuiscono i medesimi diritti che hanno tutte le famiglie formate da persone di sesso diverso. Tale definizione è già stata recepita in altre realtà italiane (per es. dal Comune di Venezia nella delibera per l'accesso al Bando per l'assegnazione di alloggio pubblico D.G.217 del 11/02/2010 e nel Regolamento per l'erogazione di interventi di natura economica di competenza delle Municipalità approvata con D.G. 312 del 12/03/2010).
 

 
2017 © Arcigay Roma - Di' Gay Project - Azione Trans PRIDE | NEWS | PERCORSO | EVENTI | MEDIA | GALLERY | CONTACTS - made by Daniele Sorrentino

  Manifesto Roma Pride 2010 Adesioni al Manifesto del Roma Pride 2010 Info sui workshop organizati per il Roma Pride 2010 Tutti i Pride in Italia